Non sei più in grado di pagare le rate del mutuo? Esiste un modo per richiedere la sospensione del mutuo senza incorrere in sanzioni o pignoramenti: ti spieghiamo cosa fare.

Se ti trovi in difficoltà economiche e non riesci a rispettare il pagamento delle rate del mutuo, hai la possibilità di ricorrere alla sospensione mutuo, purché, tale impedimento sia dovuto a condizioni ben precise e oggettive. Tra le cause previste dalla legislatura, la perdita improvvisa del lavoro, la riduzione dell’orario di servizio o il sopraggiungere di gravi problemi di salute, sono motivazioni valide per l’ottenimento di importanti agevolazioni.

Esiste una legge che mi tuteli?

Per offrire una garanzia di sospensione temporanea dei pagamenti ai soggetti che hanno acceso un mutuo, ma che si trovano in temporanea difficoltà economica, la legge n°244/2007 ha istituito il Fondo di Solidarietà per Mutui Acquisto prima casa, che offre la possibilità di posticipare il pagamento fino a due volte, per una durata complessiva di 18 mesi, come indicato dalla legge del 27 aprile 2013 che ha reso operativo il fondo.

In quali casi posso richiedere la sospensione temporanea?

Per poter usufruire di un periodo di sospensione mutuo, la legge presuppone che nei tre anni precedenti alla richiesta, si siano presentate le suddette problematiche:

  • perdita del lavoro;
  • handicap grave o condizione di non autosufficienza;
  • morte del titolare del mutuo

Inoltre, è fondamentale che le rate siano state pagate per almeno un anno al momento della richiesta di sospensione e non aver accumulato più di 90 giorni di ritardo sui pagamenti delle mensilità. In ogni caso, non è prevista alcuna agevolazione se l’ISEE del mutuatario supera i 30.000 euro o se l’importo complessivo del mutuo supera i 250.000 euro.

In caso di decesso del titolare del mutuo, la richiesta di sospensione può essere avanzata dall’erede che subentra al pagamento delle rate.

Come posso fare richiesta di sospensione del mutuo?

Se ti trovi in una delle sopracitate condizioni di disagio economico, puoi inoltrare la domanda di sospensione mutuo direttamente alla tua banca presentando la documentazione utile per l’ottenimento dell’approvazione del Consap (Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici) e di conseguenza, l’accesso al Fondo di solidarietà.

Inoltre, con il decreto Millederoghe 2018, avrai la possibilità di ottenere la sospensione del rimborso della quota capitale del mutuo per un massimo di 12 mesi continuando a versare solo la quota di interessi. In questo modo, la durata del piano di ammortamento verrà prolungata del numero di mesi corrispondente alla sospensione.

In difficoltà con le rate? Rexpira può aiutarti

Se sei in difficoltà, rivolgiti all’esperienza e alla professionalità dei consulenti del debito Rexpira che analizzeranno la tua situazione e ti offriranno tutta la consulenza necessaria per ottenere la sospensione del tuo mutuo. Puoi chiamare il numero verde gratuito 800 593 273, oppure compilare il modulo sottostante per essere richiamato.