Mutuo per casa all’asta, come funziona?

Come ottenere un mutuo per comprare casa all'asta

Sei interessato all’acquisto di un immobile attraverso asta giudiziaria ma vorresti saperne di più riguardo le possibilità di ottenere un mutuo acquisto casa. In questo articolo ti spieghiamo come riuscire ad ottenere i vantaggi fiscali previsti dalla legge per l’acquisto prima o seconda casa all’asta tramite finanziamento immobiliare entro i termini stabiliti dal tribunale per il pagamento del saldo dovuto.

Acquisto immobili all’asta: cosa devi sapere prima

Premesso che le caratteristiche di un mutuo bancario per l’acquisto di un immobile all’asta sono le stesse di un mutuo prima casa, se sei interessato all’acquisto di una casa all’asta è fondamentale conoscere le procedure, che a fronte di una certa convenienza economica, celano comunque alcuni rischi. Innanzitutto, sarà necessario consultare la perizia ordinata dal tribunale e contemporaneamente capire se si ha la possibilità di far fronte all’impegno economico previsto dalla sottoscrizione del mutuo. A tal proposito è importante sapere che l’ABI (Associazione Bancaria Italiana), al fine di abbassare le spese finanziarie e offrire tassi di interesse vantaggiosi, ha stipulato con i tribunali convenienti convenzioni.

Ulteriore aspetto da attenzionare è che l’immobile venga liberato al momento dell’aggiudicazione dell’asta o con la sottoscrizione del decreto giudiziario. Accade, non di rado, che gli ex proprietari della casa occupino forzatamente lo stabile rendendo necessario l’intervento delle forze dell’ordine.

Inoltre, sarà necessario esaminare la presenza o meno di abusi edilizi o di spese condominiali non pagate (nel caso di appartamenti). In questo caso, il nuovo proprietario è obbligato a pagare eventuali morosità pregresse con il sopraggiungere di nuovi oneri non calcolati inizialmente nel piano di spesa da sostenere. Quindi, prima di presentare al tribunale un’offerta economica per l’acquisto di un immobile all’asta sarà bene attenzionare, magari con l’aiuto di un esperto in materia, ogni singolo aspetto.

Concessione mutuo bancario per acquisto case all’asta

Una volta accertate le condizioni favorevoli per l’acquisto di un immobile venduto all’asta, prima di procedere all’erogazione del mutuo, ogni banca chiederà al futuro mutuatario la presentazione di alcuni documenti:

  • bando di partecipazione all’asta;
  • documentazione anagrafica richiedente mutuo;
  • documentazione reddituale richiedente mutuo;
  • perizia tecnica con valore dell’immobile;
  • relazione notarile preliminare, se presente nel dossier dell’immobile.

Se desideri conoscere l’elenco degli istituti di credito che aderiscono al programma di convenzioni

con i tribunali, puoi consultare l’apposita area presente all’interno del sito Abi, pur sapendo comunque, che il massimo importo che potrai ottenere corrisponderà all’80% del valore inscritto nella perizia tecnica dell’immobile e non oltre l’importo a cui verrà aggiudicata l’asta. E’ da segnalare che alcuni istituti di credito potrebbero offrire un mutuo che copre fino al 100% del prezzo di aggiudicazione purché questo prezzo non superi l’80% del valore di perizia.

Mutuo acquisto casa all’asta: garanzie bancarie

Nel caso in cui la richiesta di mutuo ottenga esito positivo dall’istituto di credito, tra l’acquirente e il funzionario bancario verrà stipulato un contratto preliminare a garanzia dell’erogazione del capitale richiesto che avverrà inseguito all’aggiudicazione e al trasferimento di proprietà dell’immobile al soggetto mutuatario. Successivamente, il pagamento dell’immobile verrà saldato immediatamente dopo la chiusura dell’asta, in un arco temporale tra 60 e 90 giorni. Nel caso in cui l’offerente non riuscisse ad aggiudicarsi l’asta, la scrittura preliminare perderà validità.

L’art. 585 del c.p.c. stabilisce che il mutuo ipotecario può essere stipulato ed erogato direttamente a favore della procedura di acquisto immobile all’asta tramite bonifico o assegno circolare, mentre l’ipoteca concessa verrà iscritta all’emissione del decreto di trasferimento da parte del tribunale.

Se desideri avere maggiori informazioni, rivolgiti a Rexpira. Un esperto sarà al tuo fianco per sciogliere tutti i tuoi dubbi. Contattaci per un colloquio gratuito e senza impegno.

Categoria: Debito Bancario

Fai valutare il tuo caso a un esperto

Il nostro obiettivo è sostenerti attraverso un servizio etico, professionale e trasparente. Per questo ti offriamo una prima consulenza gratuita: non possiamo aiutare chiunque, interveniamo solo quando siamo sicuri di poterti aiutare a risolvere un problema. Ci dedichiamo unicamente ai casi per i quali possiamo garantire un esito positivo e risolutivo. Compila il modulo per essere contattato, senza alcun impegno.

Presa visione dell'informativa sul trattamento dei dati personali, consultabile a questo link
Articoli che potrebbero interessarti

Condividiamo la storia di due fratelli che, nel 2015, si sono trovati in una situazione debitoria insostenibile a causa di...

Cos’è il saldo e stralcio e quando conviene utilizzarlo per chiudere definitivamente un debito? Si può ottenere un saldo e...

Il fido bancario è noto anche come scoperto di conto o linea di credito: è essenzialmente un accordo tra te...