Spieghiamo innanzitutto cos’è il decreto ingiuntivo.

Il decreto ingiuntivo è un provvedimento attraverso il quale il Giudice di pace o il Tribunale, su richiesta del titolare di un credito fondato su prova scritta, ingiunge al debitore di adempiere al pagamento di una determinata somma, entro il termine di quaranta giorni dalla notifica.

Entro lo stesso termine il debitore potrà proporre opposizione, altrimenti, si procederà ad esecuzione forzata, quindi al conseguente pignoramento di beni mobili o immobili.

È bene sapere che una procedura esecutiva è lunga e costosa e spesso si traduce in buco nell’acqua per il creditore che la intraprende, a carico del quale vanno peraltro poste anche le spese necessarie per portare avanti l’azione giudiziaria.

Quindi se è vero che la notifica del decreto ingiuntivo è il primo passo verso l’avvio della procedura esecutiva, è anche vero che si è ancora in tempo per trovare una soluzione transattiva, concordando quindi un saldo e stralcio, che vada incontro sia alle esigenze del creditore che a quelle del debitore.

Il creditore – banca, società di recupero crediti o privato – preferisce infatti ottenere, immediatamente o comunque in tempi relativamente brevi, il rientro parziale del debito dovuto (in misura ridotta rispetto alla sorte capitale ingiunta e alle spese del giudizio) evitando, in questo modo, le lungaggini del processo esecutivo (pignoramento presso terzi o pignoramento immobiliare) e ulteriori spese per il recupero delle somme dovute.

Contemporaneamente, il debitore potrà risanare la sua situazione debitoria ottenendo un’importante riduzione delle somme residue da corrispondere al creditore, e riuscirà a chiudere in maniera definitiva il suo debito.

Una delle caratteristiche della transazione a saldo e stralcio è che la banca o la società che gestisce il credito pretende di solito il pagamento della somma concordata in un’unica soluzione, ma spesso è possibile raggiungere un accordo per la definizione della posizione anche attraverso un piano rateizzato, sostenendo in questo caso il pagamento di rate che rispondano alle esigenze e alle possibilità economiche del debitore e che assicurino il rispetto della transazione definita.

I consulenti Rexpira sono in grado di guidarti e assisterti anche in questo percorso, assicurandoti la risoluzione del problema e il risanamento della tua posizione debitoria. Esperti del debito ti aiuteranno a concludere transazioni vantaggiose, gestiranno la tua posizione debitoria trovando e ottenendo il miglior risultato possibile.