Numero Verde 800 593 273Chiamaci gratuitamente
al numero verde
Attivo tutti i giorni
dalle 9:00 alle 19:00

Il prestito per gli over 60: il vitalizio ipotecario.

Il prestito per gli over 60: il vitalizio ipotecario.

La casa degli over 60 può trasformarsi in “prestito”. È questa la novità introdotta con un recente intervento legislativo che ha rivisto e potenziato la formula del vitalizio ipotecario.                                                 

La normativa interessa  i proprietari di immobili a destinazione residenziale che hanno compiuto i 60 anni di età (la precedente normativa fissava il limite a 65)   che possono mettere a frutto la proprietà di una casa, per ottenere liquidità immediata e far fronte alle esigenze di denaro che diventano sempre più pressanti per coloro che ricevono pensioni molto spesso insufficienti, permettendogli di fronteggiare determinate spese per sé o per i familiari.

Il prestito vitalizio ipotecario è una sorta di mutuo “inverso”, che dà  la possibilità di ricevere un finanziamento da parte delle banche o di altri intermediari finanziari mettendo un’ipoteca su un immobile che è già di proprietà e che viene dato dunque in garanzia per ottenere nuovo credito, necessario a coprire altri tipi di spese. I  proprietari dell’immobile non ne perdono il possesso, ma convertono parte del suo valore in denaro, lasciando poi agli eredi la possibilità di riscattarlo.

La banca riconoscerà al pensionato un finanziamento di somma pari ad una percentuale del valore di mercato dell’immobile (di solito tra il 15% e il 55%). L’importo del finanziamento dipende anche dall’età del richiedente: più anni ha il contraente maggiore è la cifra che si può ottenere.

Il rimborso

Oltre alla possibilità per il beneficiario di saldare il debito in qualsiasi momento e di cancellare l’ipoteca, le nuove norme consentono alle parti di concordare eventuali modalità del rimborso: il beneficiario può decidere di versare i soli interessi maturati annualmente o concordare con il finanziatore un piano di rientro graduale che comprenda sia gli interessi sia la somma prestata.

La disciplina prevede invece il rimborso obbligatorio ed integrale, in un’unica soluzione laddove si verifichino i seguenti eventi:

  • decesso del beneficiario del prestito vitalizio
  • trasferimento, totale o parziale, della proprietà o di altri diritti reali o di godimento sull’immobile dato in garanzia (ad esempio l’usufrutto)
  • compimento di atti che possono ridurre significativamente il valore del bene

Laddove, entro 12 mesi dal verificarsi di una delle tre situazioni descritte il finanziamento non venisse integralmente rimborsato, l’istituto di credito che ha concesso il prestito è legittimato a vendere l’immobile al valore di mercato,potendo decurtare progressivamente il prezzo del 15% ogni anno, sino al momento della vendita definitiva.

Gli eredi possono recuperare l’immobile.

Con il prestito vitalizio ipotecario gli eredi possono sempre decidere di riscattare il bene. Alla morte del richiedente, nel caso in cui lo stesso non abbia provveduto al rimborso anticipato del prestito, agli eredi è concessa una doppia possibilità: estinguere il debito rientrando nel pieno possesso dell’immobile e cancellare l’ipoteca, oppure vendere il bene, personalmente o affidandosi alla banca mutuataria, entro e non oltre i 12 mesi successivi al decesso del richiedente.

Parliamo dunque di una nuova tipologia di credito che si aggiunge alle altre opportunità finanziarie presenti nel mercato creditizio e che permette di assecondare le esigenze di quella parte di ultrasessantenni che detiene un immobile di proprietà e che ha difficoltà di accedere alle usuali offerte di credito bancarie.

Consiglia questa pagina ai tuoi amici!
 

Vuoi maggiori informazioni su questo argomento? Richiedi assistenza gratuita

Il tuo nome e cognome(*)
Inserisci il tuo nome e cognome

Il tuo numero di telefono(*)
Inserisci il tuo numero di telefono

La tua email(*)
Inserisci la tua email

La tua città(*)
Inserisci la tua città

Oggetto Consulenza
Valore non valido

Presa visione dell'informativa sulla privacy, in merito al trattamento dei dati personali, consultabile a questo link:
Presa visione dell'informativa sulla privacy, in merito al trattamento dei dati personali, consultabile a questo link:
relativamente al punto 1A (Obbligatorio)(*)
E' obbligatorio prestare il consenso per ottenere assistenza

relativamente al punto 1B (Non obbligatorio)
Valore non valido